ELEZIONI COMUNALI
12 GIUGNO 2022

PROGRAMMA ELETTORALE

ELEZIONI COMUNALI

12 GIUGNO 2022

PROGRAMMA ELETTORALE

  9     Spezia città del turismo sostenibile

Una città in grado di andare oltre la visione di dormitorio delle Cinque Terre. Una città capace di governare i flussi turistici, anche crocieristici, reindirizzandoli verso le zone dell’entroterra, da valorizzare. Una città capace di destagionalizzare, e di rimanere aperta 365 giorni all’anno, non solo durante i mesi estivi. Una città che si metta alle spalle i fallimenti dei grotteschi tentativi del DMO (Destination Management Organization), facendo sistema con i comuni limitrofi all’insegna della sostenibilità ambientale e del turismo slow, cicloturismo ed escursionistico.

In concreto

 

  • Destagionalizzazione:
    • – Infopoint aperti tutto l’anno
    • – Marketing territoriale mirato per spalmare l’afflusso di turisti su tutto l’anno (capodanno cinese tra gennaio e febbraio, altre festività per target turistici mirati)
  • Promozione del turismo lento, con maggior integrazione dei servizi di guide turistiche e realizzazione di cartine promozionali, digitali e cartacee, per proporre la diffusione di percorsi urbani e periurbani alternativi, potenziamento dei servizi pubblici per il pieno accesso della rete sentieristica.
  • Governance dei flussi turistici, in particolare crocieristici, per rammendarli con il tessuto commerciale della città
  • Vero DMO (Destination Management Organization) di concerto con sindaci comuni limitrofi
  • Dotazione di strategia digitale per la promozione sui mercati nazionali ed internazionali, puntando anche su canali non convenzionali per ampliare la conoscenza del territorio
  • Investimento sulle scuole professionali, sulle facoltà universitarie di management turistico e sui master di 1° e 2° livello, contrastando con la professionalizzazione il precariato.
  • Creazione di una rete di collegamento fra piste ciclabili, percorsi pedonali, vie del mare, favorimento di una formula dell’albergo diffuso in luogo della costruzione di nuovi edifici per farne alberghi, recuperando così il patrimonio artistico e culturale
  • Valorizzazione di edifici di pregio esistenti ed inutilizzati senza stravolgere la cultura, l’ambiente e l’identità dei luoghi in una chiara ottica di sviluppo sostenibile.
  • Estensione dei soggetti con cui il comune ha un accordo per la raccolta della tassa di soggiorno. Attualmente soltanto Airbnb è convenzionato, e per gli altri operatori è necessario che i proprietari delle strutture si facciano collettori della tassa.